IL SISTEMA DI VALIDAZIONE

 

Seguire le linee guida, come si è avuto modo di argomentare, offre  la possibilità di creare descrizioni accurate e in grado di tenere conto dei vari elementi che  permettono a chi ascolta di visualizzare progressivamente una corretta immagine mentale di un dipinto.

Tuttavia, in questa, come in altre imprese, non sempre le migliori intenzioni corrispondono ai migliori risultati. Per questo, si è ritenuto opportuno elaborare un sistema di verifica, che riproduca su un campione di volontari, la fruizione di ogni opera d’arte pittorica, dapprima  tramite la sola descrizione, poi attraverso l’immagine, e quindi  offrendo le condizioni per valutare  la corrispondenza fra l’una e l’altra.

Anche in questo caso, come nella ricerca di base, il campione è costituito da normovedenti, i quali vengono però messi inizialmente in condizione di non poter vedere, ma solo immaginare il dipinto.

Essi ricevono una mail che riassume la natura della collaborazione e contiene il link a una piattaforma Google. Accedendovi, dopo aver letto la descrizione, compare una riproduzione del dipinto in questione e successivamente, un questionario da compilare.

In esso vengono valutati:

  • La resa di ciascuno dei dieci punti previsti dalle linee guida
  • La durata del testo
  • La fluidità e scorrevolezza
  • La comprensibilità
  • La precisione
  • La capacità di suscitare immagini mentali. Inoltre, al termine del questionario, ogni volontario può indicare apertamente suggerimenti e critiche relative alla descrizione fornita. È questa una sezione nella quale in genere si raccolgono molti spunti per migliorare il testo proposto.
  • A seconda dei casi e della loro complessità, si può prevedere un’unica fase di validazione o più d’una, in modo tale da essere certi che il testo finale sia corrispondente a un positivo giudizio da parte di chi ne fruirà. Così pure, la numerosità ed estensione del campione è decisa in rapporto al target e alla difficoltà/complessità dell’opera.

Commenti chiusi