Castello Sforzesco – Sala delle Asse

Immagine dell'affresco di Leonardo nella Sala delle Asse

Nel 2019, in occasione della riapertura al pubblico della Sala delle Asse per il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, il Castello Sforzesco ha promosso una modalità di fruizione che rendesse accessibile anche a un pubblico con disabilità visiva l’esperienza della visita.
Grazie alla collaborazione dell’Associazione Nazionale Subvedenti ODV e di Rotary Club Milano Castello è stato così possibile realizzare “DescriVedendo Sala delle Asse” disponibile per tutti sul sito ufficiale del Castello Sforzesco, sul portale DescriVedendo e sull’audioguida ai Musei del Castello Sforzesco, disponibile al bookshop.
“DescriVedendo Sala delle Asse” permette ai visitatori di fruire dei dipinti e dei disegni sulle pareti della Sala delle Asse e del padiglione vegetale di gelsi realizzato nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco, in modalità accessibile, inclusiva e condivisa.
“DescriVedendo Sala delle Asse” è articolata in differenti descrizioni accessibili, scaricabili da questa pagina:

Indicazioni preliminari di orientamento nel Museo d’Arte Antica
(si consiglia di ascoltare tale contenuto prima dell’ingresso in Museo d’Arte Antica)
Descrizione breve della Sala delle Asse
Descrizione dettagliata della Sala delle Asse
Descrizione Padiglione Vegetale in Cortile delle Armi

Il progetto “DescriVedendo Sala delle Asse” si colloca tra le attività di Associazione Nazionale Subvedenti ODV – svolte nell’ambito del miglioramento dell’accessibilità e fruibilità museale.
Le descrizioni certificate sono state realizzate attraverso un uso efficace ed efficiente del linguaggio seguendo le linee guida e il protocollo di validazione DescriVedendo.
Tali descrizioni sono presenti anche nell’audioguida del Castello Sforzesco disponibile al bookshop all’Ingresso del Museo d’Arte Antica.

DA GIOVEDì 23 LUGLIO, RIAPRE AL PUBBLICO, LUNGO IL PERCORSO DEL MUSEO D’ARTE ANTICA, LA LEONARDESCA SALA DELLE ASSE
Riapre temporaneamente al pubblico da giovedì 23 luglio, la Sala delle Asse leonardesca, che potrà essere ammirata dai visitatori dei Musei del Castello in una nuova forma: libera dalle strutture fisiche e multimediali dell’installazione “Leonardo mai visto” – che hanno accolto quasi 350.000 visitatori in occasione del Cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci – e con un’illuminazione essenziale che permetterà di ammirare la Sala, il Monocromo restaurato e i disegni leonardeschi emersi durante il restauro delle pareti, in attesa di ospitare da settembre il ponteggio per la prosecuzione del cantiere di diagnostica e di restauro.
Invece dei supporti multimediali audio e video che facevano parte integrante dell’installazione “Leonardo mai visto”, l’audioguida disponibile al bookshop e le schede di sala, scaricabili anche attraverso QR Code, racconteranno la sua storia con descrizioni puntuali e dettagliate, inclusive e accessibili anche alle persone con disabilità visiva.
La Sala è visitabile lungo il percorso del Museo d’Arte Antica, accessibile tramite l’acquisto del biglietto (5 euro) che consente di visitare anche tutti i restanti musei del Castello aperti al pubblico (il Museo della Pietà Rondanini, il Museo d’Arte Antica, il Museo delle Arti Decorative e il Museo degli Strumenti Musicali).
Pur non essendo obbligatoria, la prenotazione sul sito  è consigliata per consentire una migliore gestione della visita e assicurarsi l’ingresso.
I visitatori potranno comunque accedere alle collezioni, sempre nei limiti della capienza prevista per ogni fascia oraria, acquistando il biglietto all’ingresso del museo.
I Musei del Castello sono aperti nelle giornate di giovedì e venerdì, dalle ore 11 alle 18 (ultimo ingresso ore 17).

Commenti chiusi